venerdì 5 maggio 2017

"Buona esplorazione"

Eh si sulla nostra scatola è scritto proprio così, direttamente da Simone Cerruti Scola. Dopo una puntata di Star Trek a cena arrivano i nostri amici IzioMan e LadyCaffeina.
Quattro chiacchere in compagnia, un po' di divertimento con la piccola cubetta, visto che il piccolino (si fa per dire) dormiva già dalle 17.30 e poi a nanna i minorenni... sarebbe l'avverarsi di un sogno, ma la nanetta ha deciso che voleva rapire la mamma quindi ci tocca apparecchiare solo per 3.
Peccato per LadyCubetto perchè il titolo della serata è tosto, solido e ormai ben collaudato avendolo provato sia Modena che a casa.

Kepler-3042

Titolo del 2016, edito da Placentia Games, di Simone Cerruti Sola, con illustrazioni di Alan D'Amico (che ci ha firmato anche lui la scatola ehehe). Da due a quattro giocatori.
Lo scopo del gioco è far più punti vittoria di tutti gli altri, scoprendo nuovi pianeti, colonizzadoli, terraformandoli, scoprendo nuove tecnologie e aumentando la propria valenza sui due tracciati del gioco.
La partita dura 16 turni e in ognuno di essi si può svolgere una sola azione più una eventuale bonus, ma a pagamento.
Come ormai accade spesso non mi dilungo troppo sulle regole perché potete trovare tutorial e video che lo sviscerano molto meglio del sottoscritto.

Quindi passiamo alle nostre impressioni. Del gioco ne avevamo letto e sentito parlare sin dall'anno scorso, ma purtroppo non siamo mai riusciti  ad intavolarlo da chi del nostro gruppo lo aveva già.
Ma per nostra fortuna durante la fiera di Modena riusciamo ad avvicinarci al tavolo della Placentia Games dove ci hanno trattato come se fossimo degli amici più che dei compratori (o se hanno finto sono davvero bravissimi, ma mi sono sembrati proprio genuini). Così dopo aver provato "Grandi Laghi" o come lo vogliono chiamare adesso Wendake e Space ci siam seduti ad ascoltare le regole. Come tutti i giochi belli, la spiegazione è complessa ma ci vuole tutta. La prima partita a Modena ci ha fatto apprezzare le meccaniche di avanzamento nelle varie tecnologie per poter scoprire e colonizzazioni nuovi mondi. Bella l'idea di avere un insieme di risorse prestabilite ad inizio partita e sfruttarle fino all'ultima il più possibile. Insomma come avete ben capito l'abbiamo preso. [per la cronaca nei quattro turni della demo, avevo vinto].
Dopo una paio di sere lo riapparecchiamo in due e navighiamo nello spazio io e LadyCubetto, ovviamente vince lei... Ma il gioco ci intriga sempre di più, cercando di aumentare le nostre tecnologie, visitare e colonizzare più mondi possibili rispetto alla prima partita. Notiamo che la cosa migliore è in ogni azione massimizzarla il più possibile e, come avevamo già notato a Modena, la poca interazione, infatti a parte visitare un pianeta prima di un altro si ci pesta i piedi pochissimo, ma a noi questo non dispiace.
Ma torniamo alla serata di inizio post, il gioco a Modena era piaciuto anche a IzioMan e LadyCaffeina così sono stati ben contenti di rigiocarci. In questa partita abbiamo esplorato moltissimo, colonizzato almeno 3 pianeti a
testa e sviluppato fino al massimo livello due tecnologie. Rispetto ai punti delle partite precedenti sono sicuramente aumentati, ma almeno io non sono riuscito ad ottimizzare al massimo le mie mosse. Insomma devo rigiocarlo al più presto.
Chi si offre volontario per sedersi al tavolo?