mercoledì 12 luglio 2017

Tutti a Terraformare il Poldo's Bar

Eccoci di nuovo nel nostro locale di ritrovo genovese, il Poldo's Bar.
Stavolta purtroppo sono andato da solo perchè LadyCubetto è rimasta a casa con i pupi e in più doveva concludere alcuni documenti per la fine della scuola.
Così vista l'iniziativa dei GiochiCorsari (associazione ludica genovese di cui abbiamo fatto parte prima dell'avvento della prole) mi sono prenotato per la serata che prevede la spiegazione e svolgimento di partite a Terraforming Mars.
Si dico partite perchè i Corsari, capitanati dal loro presidente, han fatto le cose in grande portando non una ma ben 6 scatole di questo titolo.
Arrivato alle 21, preciso come un orologio svizzero, mi hanno fatto accomodare con l'illustre presidente, il mister e un altro avventore della serata.

Francesco (il presidente) ci ha illustrato le regole del gioco. Come sempre in questi casi la spiegazione è stata più lunga e complessa di quello che è in realtà la meccanica del gioco, ma molto precisa e ricca di consigli pratici per velocizzare il flusso della partita.

Terraforming Mars

Gioco presentato ad Essen 2016 e nominato allo Spiel de Jeres (giustamente aggiungo), da due a quattro giocatori, dalla durata almeno di due ore piene, ma possono essere anche di più, dipende dai giocatori al tavolo.

Lo scopo del gioco, come dice il titolo è terraformare Marte, costruendo città e creando boschi e laghi. Tutto questo aumenta la temperatura e la quantità di ossigeno del pianeta, che sono due dei tre fattori per far concludere la partita.

Il motore del gioco sono le carte che uno ha in mano e che può giocare (fino ad un massimo di due) ogni turno e le azione che queste conferiscono.
Cosa importante sono i soldi che sembrano tanti ad ogni turno, ma che invece son sempre pochini, perchè le carte che ogni turno vengono in mano per poterle tenere bisogna pagarle ed inoltre per poterle mettere in gioco bisogna pagarne il costo. Ovviamente più valgono e più soldi bisogna sborsare.

Questo ovviamente è solo un sunto delle regole, ma se cercate su "Tocca A Te" trovare la spiegazione completa. 

La serata è stata ottima, splendido oste il nostro Leo, ma soprattutto ottimi i giocatori al tavolo. Tutti erano sempre sul pezzo, tanto che è capitato più volte e a tutti di voler giocare ancor prima che il giocatore precedente avesse finito. Infatti la partita in 4 è durata ben due ore secche, mentre gli altri due tavoli che avevano cominciato prima di noi erano ancora li a prescare e leggere carte.
Il gioco di suo è molto bello e non ho trovato questi grossi problemi dei materiali e la meccanica mi ha intrigato molto. Ora bisogna capire come girerebbe con il nostro gruppo di giocatori. Perchè anche se un gioco è un capolavoro non è detto che piaccia al gruppo e quindi è inutile lasciarlo sullo scaffale.