venerdì 24 aprile 2015

ZhanGuo dalla Cina con furore!



Albe: 8
Fla : 8

Ciao,

la meeples family finalmente è riuscita a leggere tutte le regole, preparare il setup e giocare già due volte a.....
ZhanGuo
Era da un pò che aspettavamo di poterci sfidare con questo titolo, dopo aver letto svariati articoli e recensioni.


Recensione

Gioco della casa editrice Ghenos Games del 2014 da 2 a 4 giocatori, della coppia di autori, ma anche nella vita, Stefania Niccolini e Marco Canetta.

A prima vista l'impatto è molto accattivante, un bel tabellone con una sacco di spazi da riempire, delle semplici ma ben proporzionate plance personali e infine un botto di cubetti, dischetti, omini, palazzi e muraglie da poter piazzare. 





Per completare il tutto delle belle carte, ben disegnate e curate divise in 3 mazzetti.



Il gioco si svolge a round dove ognuno gioca le sue carte sul tabellone o sulla propria plancia, esegue l'azione scelta e, se può, attiva ed esegue l'azione speciale.

Alla fine di ogni turno si possono ottenere dei privilegi in base a quanto si è contribuito al realizzo degli obiettivi dell'imperatore, ottenendo punti vittoria.

Alla fine dei 5 turni vince chi fa più punti.

Spiegazione del gioco

Una partita a ZhanGuo si compone, come detto precedentemente, da 5 turni.
In ogni turno i giocatori avranno a disposizione sei carte, pescate a coppie dai tre diversi mazzi (scrittura, valuta, legge) che potranno utilizzare sulla propria plancia personale o sul tabellone centrale.




Se una carta viene giocata sulla propria plancia, questa permette di ottenere segnalini unificazione (con i quali mostrare di aver influito nel raggiungimento degli obiettivi dell'imperatore e ottenere i bonus di fine turno) e di avere a disposizione potenziali azioni supplementari.

Se invece viene giocata sul tabellone, questo permette di eseguire una delle sei azioni disponibili:

  • Reclutare un funzionario: dalla propria riserva il giocatore prende un funzionario di un colore a scelta e lo posizione in un'area della sua plancia personale.
  • Riassegnare i funzionari: il giocatore ha tre movimenti per redistribuire i suoi funzionari sulla sua plancia personale.
  • Insediare un governatore: quando sono presenti tre funzionari di diverso colore in un'area della plancia personale, questi possono essere spesi per insediare un governatore nella corrispondente area del tabellone e conseguire uno dei bonus disponibili.
  • Ingaggiare lavoratori: Se dei funzionari si trovano nell'area inferiore della propria plancia, possono essere ingaggiati lavoratori pari al loro numero.
  • Costruire un palazzo: Spendendo tre lavoratori (due dall'area di costruzione e uno da una diversa) è possibile costruire un palazzo per conseguire segnalini unificazione e punti vittoria in base alle carte sulla plancia del giocatore.
  • Costruire una porzione di muraglia: è possibile erigere una porzione della grande muraglia spendendo 1, 2 o 3 lavoratori in base alla locazione dove viene costruita.

Importantissimo tener sempre presente il livello di malcontento presente in ogni area della propria plancia personale che può limitare la possibilità di edificare o di effettuare certi tipi di azioni.


Inoltre non bisogna perdere di vista gli obiettivi presenti sul tabellone nelle tre tipologie di unificazione e aver la maggioranza di governatori nelle varie regioni con cui poter ottenere diversi punti vittoria bonus a fine partita.


Impressioni

Il gioco mi ha ricordato un pò i giochi alla Feld, molti modi di far punti (la famosa insalatona) ma anche il difetto o pregio di Agricola, troppe cose da fare e troppi pochi round per poterle fare.   


Un pò come ci capita spesso quando si ha di fronte un regolamento lungo, alla fine le azioni possibili son sempre quelle. Quindi dopo qualche turno si riesce a intuire quali carte è meglio giocare, dove giocarle e soprattutto quando.

Il gioco anche se solo in due giocatori è abbastanza lungo (ovviamente è un giudizio personale ehehe) e spero di poterlo provare in 4 per capire come scala. Cosa che siamo riusciti  fare con i nostri infaticabili amici Maury e Chiara, anche in 4 il gioco gira bene e, vuoi l'esperienza della prima partita, sono riuscito ad immergermi meglio nei vari meccanismi del gioco, riuscendo a seguire una mia strategia (perdendo comunque, quindi dovrò cambiare ancora strategia). 


Lo rigiocheremo sicuramente perché le meccaniche sono interessanti e la possibilità di variare la strategia per arrivare alla vittoria risvegliano il bimbo-giocatore che è in me.