mercoledì 30 settembre 2015

Elder Sign


Ciao,
questa partita è un po datata ma è stato un bel momento e va raccontato. 
Il week-end del primo maggio è tornato in Italia, per una graditissima visita di cortesia, direttamente da Teddington (UK) il padrino di mio figlio. Il grande GianGian, colui che ha introdotto mia moglie ai giochi in scatola di un certo livello.
Grande fisico - proprio nel senso di scienziato in carne ed ossa - famoso in tutto il mondo (l'avrò sparata grossa? naaaa), grande appassionato di giochi in scatola e di bolle, atterrato al Cristoforo Colombo il venerdì  in mattinata, nel primo pomeriggio, dopo aver pranzato e messo a nanna i bimbi, tiriamo fuori (ormai uno dei pochi giochi non ancora imballati come se fossero preziosi cristalli di Boemia) "8 minuti per un impero", gioco che Gian ha apprezzato sin da subito.
Ma il bello è arrivato alla sera quando, raggiunti da IzioMan e LadyCaffeina, abbiamo provato uno degli ultimi arrivati.


Elder Sign - Il segno degli Antichi


Gioco acquistato in un bundle su ebay.




Seduti tutti al tavolo, Gian ha preso in mano il regolamento e ha iniziato la lettura di gruppo.
Lo scritto non è stato digerito subito, infatti alcuni punti sono rimasti un po' oscuri, forse anche per l'ambientazione, ma abbiamo deciso che l'avremmo capito giocando (si spera), insomma siamo giocatori ormai da tempo!


Abbiamo fatto alcune prove di gioco durante la lettura delle regole e ci siamo sentiti pronti. Era l'ora di entrare nelle stanze, uccidere mostri, superare le prove, ma soprattutto aiutarsi per raggiungere l'obiettivo, perché trattasi di un cooperativo. Sin da subito abbiamo basato la strategia nell'entrare nelle stanze almeno a coppie. 


Come consigliato sui vari forum, e anche sul foglio allegato dal venditore, abbiamo aggiunto delle home-rules per aumentare la difficoltà nel superare le prove, ma i dadi ci sono stati favorevoli e siamo riusciti brillantemente a vincere perdendo pochi punti vita e mentali durante la nostra avventura.
Ok che l'Antico Finale non era dei più ostici, ma siamo riusciti in un paio di ore ad avere la meglio su di lui e gridare (si fa per dire perché i bimbi dormivano) : Abbiamo vinto evvai!

Recensione e mini spiegazione

Abbiamo deciso di non spiegare il gioco troppo nei particolari, tanto i regolamenti sono quasi sempre scaricabili.
Il gioco come detto è un cooperativo, tutti si combatte assieme per raggiungere l'obiettivo finale: uccidere l'Antico!
Durante la partita si aumentano le proprie capacità, si ottengono nuove abilità e si scoprono nuove stanze e portali.

Impressioni

Partendo dal fatto che a me personalmente i cooperativi non stimolano l'appetito, mi sono comunque divertito. Anche perchè mi sono girati benissimo i dadi. Sembravo Conan il Barbaro più che un investigatore dell'aldilà.
Il gioco gira bene anche se in troppi una volta eseguito il tuo turno devi aspettare un pò prima di poter rigiocare.
Belle le illustrazioni e la meccanica. 
Bisogna riprovarlo in due per capire come scala.