giovedì 21 settembre 2017

Franchi ne abbiamo?

Serata senza cubetti, in campagna dai nonni, e genitori che per una volta vanno nel nido d'amore di LadyCaffeina e IzioMan (e non il contrario).
Siamo partiti dicendo "il titolo della serata deve essere uno già conosciuto!" perché siamo tutti stanchi... 
Risultato? Ovviamente la scelta è caduta su un gioco che non avevamo (io e LadyCubetto) mai provato, ma che volevamo da tempo.

Le Havre

Edizione italiana della Uplay, del famosissimo Uwe, da 2 a 5 giocatori.
Lo scopo del gioco è quello di acquisire risorse, lavorarle, venderle, ottenere edifici, usarli ed infine commerciare attraverso le navi che si possono acquistare.

Il gioco è bello tosto, 20 round se si gioca in 4, 7 turni in ogni round, 1 sola azione a scelta tra le due possibili a turno.
7 turni in 4 vuol dire che ad ogni round c'è un giocatore che effettua solo un turno, anziché due (sfigatosfigatosfigatosfigato). 
La coperta è cortissima, i soldi son sempre pochi e il cibo scarseggia, ciò potrebbe comportare la richiesta di prestiti per sfamare la propria gente a fine round.

Come in Agricola, mi è sembrato che la strategia migliore sia quella di scegliere cosa fare ad inizio turno e perseguire quella strada ad ogni costo, senza farsi distrarre dalle altre azioni disponibili. Altrimenti si rischia di lasciarsi ingolosire da un'azione, che rimane fine a se stessa.
Sicuramente conoscere il gioco aiuta, e non poco, la strategia a lunga distanza.

LadyCubetto direi che è entrata in sintonia con le meccaniche riuscendo a raggiungere gli obiettivi che si era prefissata, IzioMan, (che per la cronaca ha vinto e che conosceva meglio il gioco), si è creato un buon motore per ottenere soldi e cibo, mentre io e LadyCaffeina abbiamo sinceramente arrancato tutta la partita. 
Quindi sicuramente un applauso a loro e un rimandati a settembre a noi.

Alla fine il gioco è un bello spacca cervelli che in una collezione non dovrebbe mancare! Chiedete a Lele di PlayBazar.it!