lunedì 30 ottobre 2017

Prendiamo il treno o la nave?

Mercoledì, serata di coppa si diceva una volta, ma la squadra del cuore purtroppo ormai è un po' che non ne fa parte... speriamo nell'anno prossimo si dice sempre.
Ma le nostre serata son comunque un divertimento perchè noi siamo gamer e una o più partite a dei bei titoli vale molto di più!
Dopo aver messo a nanna i cubetti ecco che arrivano puntuali come degli orologi svizzeri Deggy e TripleA.
Avevamo pensato ad un titolo, ma imprevisti casalinghi non me lo hanno fatto ripassare e in più LadyCubetto non era al massimo delle sue forze, quindi abbiamo virato su un titolo leggero, ma colladutissimo per noi e successivamente ad una new entry per i due ospiti.
Quindi abbiamo apparecchiato un gioco a cui presto speriamo di aggiungere l'espansione che prenderemo a Lucca.

Splendor

Gioco edito da Asterion del 2014, di Marc Andrè, da due a quattro giocatori, dalla durata contenuta ma piena di strategia.
Lo scopo è ottenere 15 punti prestigio in modo da chiudere la partita. 
Sul tavolo vengono piazzate 12 carte gemme, di vario costo e punteggio.
Ad ogni turno un giocatore può eseguire una sola tra le seguenit azioni:
- prendere tre gemme di colore diverso; 
prendere due gemme dello stesso tipo (se ce ne sono nella riserva almeno 4 di quel colore);
- prenotare una carta e ottenere una gemma jolly;
- mettere in tavola una gemma pagandone il relativo costo.
Inoltre una volta per turno si deve ricevere la visita di un nobile se si è riusciti a comporre la combinazione di gemme richieste.

Nella serata abbiamo fatto due partite e il gioco ha riscosso il dovuto successo. E' piaciuto sia TripleA a che a Deggy
Quest'ultimo è entrato perfettamente nel meccanismo del gioco e, mentre io e LadyCubetto arrancavamo accumulando carte che non davano punti prestigio, lui si è concentrato ad acquistare solamente carte significative e ha vinto alla grande. 
Nella seconda ci ha pure ridicolizzato cambiando strategia. Che vi devo dire, avrà Splendor nel sangue. Bravo Deggy!
Salutata la signora che è andata a riposarsi, abbiamo intavolato un titolo leggero, ma che fa sempre la sua porca figura.

Ticket to Ride Vagoni e Velieri


Gioco del 2016, edito da Asmodee/Asterion, del filone Ticket to Ride, ma dove han deciso di aggiungere anche i velieri e i porti oltre agli immancabili trenini.

Ogni giocatore ha un tot di obiettivi iniziali da completare, piazzando sul tabellone i propri trenini o velieri. 
Le differenze dal base sono:
- all'inizio della partita, dopo aver scelto gli obiettivi si devono quantificare il numero di vagoni e velieri con cui iniziare e, nel caso le proprie strategie andassero a rotoli e, quindi mancassero gli uni o gli altri, spendendo punti acquisiti è possibile  scambiare treni per navi e viceversa;
- hanno aggiunto la possibilità di creare porti nelle città di mare presenti sugli obiettivi per ottenere punti finali aggiuntivi.

A pensarci bene è stata una serata Asmodee visto che tutti e due i titoli li stampano loro, quindi un plauso anche a loro per i titoli che vendono.
L'ultimo titolo della serata, sempre molto bello, è rimasto un po' confusionario per i presenti, perchè alla fine per poter piazzare i propri trenini o velieri sulle proprie tratte è stato necessario pescare e pescare e pescare
e l'ho detto pescare ancora? 
Insomma alla fine tutti avevano migliaia di carte in mano, ma mancando sempre proprio quella nave o treno necessari per concludere l'agoniata tratta.
Ma rimane pur sempre un gran bel gioco e ne sono rimasti contenti.
Direi che ormai ci siamo, possiamo passare ad un bel titolo più cinghialoso!