giovedì 2 giugno 2016

Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori

Serata tranquilla a casa Cubetto, pupi che si addormentano presto e quindi serata lunga che si presta per imparare un nuovo gioco. Obiettivamente di titoli da provare ne abbiamo ancora troppi, sono lì che ci guardano dalle mensole o dagli armadi. Sentiamo i cubetti che si muovono e le carte che frusciano, ma stasera un altro rumore si sente nella stanza e delle luci multi sfaccettate si riflettono sul soffitto. 
Come le falene siamo attratti da queste luci blu, rosse, verdi e gialle.
Quindi eccoci a presentare il titolo della serata.


Diamonds Club

Gioco del 2008, edito dalla Ravensburger di Rüdiger Dorn per 2-4 giocatori. 

Autore noto per giochi come Istanbul, Il Vecchio e GOA.

La partita si svolge in più turni, ognuno di questi composto da 5 fasi, rigorosamente da seguire nell'ordine:
  • Creazione del mercato
  • Acquisto al mercato
  • Distribuzione Diamanti
  • Produzione pietre preziose
  • Costruzione
e si conclude quando un giocatore riesce a costruire 14 aree o più del giardino del proprio club.

Nella prima fase si costruisce il mercato. Scalabile in base al numero di giocatori e sempre diverso ogni volta.

Cosa che lo rende molto longevo.




Una volte che le bancarelle sono state piazzate ogni giocatore spende le sue monete, che onestamente sono spettacolari come fattura, per comprare navi da trasporto, miniere e concessioni minerarie, oltre ad arredi per il giardino del club e migliorie personali.

Conclusi gli acquisti il giocatore che ha risparmiato più soldi viene premiato con un diamante, come anche chi è diventato (o rimasto) il primo giocatore.

Dopo la premiazione, in ordine di turno, si possono estrarre le pietre che serviranno per costruire i complementi del giardino.


Infine si comprano gli arredi con le pietre preziose racimolate. In questo caso comprare per primo permette un acquisto ad un prezzo più basso, perché il prezzo aumenta di una pietruzza per ogni cliente che acquista.

L'acquisto al mercato e la costruzione sono il cuore del gioco. La battaglia è serratissima quando si compra alle bancarelle e si è in tanti, perchè i soldi sono quelli che sono, ma diventa ancora più accesa quando si costruisce perchè, come detto, più si attende e più il prezzo sale.


Il tempo di gioco è esattamente quello che possiamo investire solitamente, cioè in due in un ora di gioco o anche meno se si è scafati, mentre in 4 diventa un po' più lungo ma solo perchè tutti devono far la loro mossa. Provato con LadyCaffeina e Izioman è durata un ora e mezza.
Le regole sono semplici, ma lo rendono un gran bel gioco. Incontra pienamente i nostri gusti. E' un titolo che rigiocheremo spesso per le sue peculiarità.